Territorio

Al confine tra le province di Asti e Torino si estende, in provincia di Cuneo, una zona collinare denominata ROERO. Il paesaggio e’ vario, ricco di vallate profonde , di versanti scoscesi, di colli variamente coltivati a vite ed a frutteto.

Il terreno sabbioso, friabile e di color ocra ben si presta alle coltivazioni assumendo i colori piu’ svariati dalle colture della zona. Il ROERO e’ terra di vini pregiati. Antiche leggi medievali riferiscono , intorno al 1600 , di pregiati filari di “Nebiollo”, cosi’ definito , vino di qualita’ eccellente che per molto tempo allieto’ le reali tavole dei Duchi di Savoia. Vitigno autoctono del Roero e’ invece l’ARNEIS ,la cui coltivazione diffusa gia’ dal 1700, produceva un vino In realta’ molto dolce, data la preferenza dell’epoca verso i vini amabili.

A conferma di cio’ ecco l’abitudine di inserire nei filari piante di uva Arneis, per attirare la golosita’ degli uccelli e risparmiare le uve rosse, ritenute al tempo piu’ importanti per la vendemmia. Altro vitigno autoctono del Roero e’ la FAVORITA, alla quale era dedicata particolare attenzione, tanto da rendere quest’uva “favorita” agli altri vitigni bianchi in quanto ottima sia come uva da tavola che da vinificazione.